Liceo Artistico “Pietro Selvatico” – Padova
Anno Scolastico 2018/2019

 E’ di SCENA la SCENOGRAFIA

Scuola-Laboratorio di Arti Scenografiche

 

Progetto a cura di Antonio Panzuto,
in collaborazione con gli insegnanti del corso di Scenografia
del Liceo Artistico Selvatico e con la partecipazione della Scuola di Moda

 

La Scuola di Scenografia della stagione 2017/2018 ha portato a termine un intenso programma, che attraverso vari ed elaborati percorsi, si è concluso con un evento teatrale che ha reso pubblico il grande lavoro progettuale della Scuola.

E’ stato messo in scena Nessuno ci Crede, spettacolo tra gli alberi, ispirato a Il Barone Rampante di Italo Calvino, classico della letteratura italiana del “900, che racconta le tempeste dell’adolescenza e ne descrive ombre e difficoltà.  

Per le classi terze e quarte abbiamo affrontato l’opera LA TEMPESTA di W.Shakespeare un lavoro complesso e importante  che ha offerto  agli studenti molteplici versioni e interpretazioni progettuali.

Le classi quinte invece hanno esaminato non solo il progetto Tempesta, ma in preparazione degli esami di maturità, sono state indirizzate su specifici temi di programma: dal Processo di F.Kafka al Malato Immaginario di Molière, procedendo allo sviluppo progettuale seguendo soprattutto le indicazioni e le metodologie  indicate dai temi ministeriali.

 

FINALITA’

Gli obiettivi che ci proponiamo per il prossimo Anno Scolastico 2018/2019 avranno una più chiara diversificazione tra classi, studiando i progetti specifici e proponendoli anche in orari differenziati.

Per le classi terze che affrontano per la prima volta le tematiche generali della Scenografia, si propone un testo complesso e vitale, ROMEO E GIULIETTA di William Shakespeare, opera tragica e lirica del grande drammaturgo che traduce e contiene per i ragazzi tutti gli elementi importanti sia della drammaturgia che della messa in scena.

Con le classi quinte devieremo da questo soggetto (che li vedrà partecipi in una fase solo di presentazione) e affronteremo argomenti più attinenti ai possibili temi dell’esame di stato: in particolare affronteremo LA TRAGEDIA GRECA, con due immensi lavori MEDEA di Euripide EDIPO RE di Sofocle, opere che riassumono tutte le caratteristiche tragiche degli autori e ricorrendo a grandi varietà di personaggi e vicende, permettono un approfondito studio su temi e forme estetiche.

Verranno studiati e approfonditi, come negli anni trascorsi, alcuni argomenti tradizionali, quali lo studio del bozzetto e del progetto scenografico, legando il lavoro all’analisi del testo ed alla sua scansione drammatica in scene o in atti o movimenti.  A partire da segni, disegni, appunti, schizzi di lavoro, si affrontano strade   più complesse legate alla prospettiva, alla composizione, alla luce, all’illuministica, alla scenotecnica, ed alla progettazione.

Si utilizzeranno oltre al disegno a mano libera, elemento determinate e imprescindibile, attrezzature tecniche e digitali per predisporre piccole messe in scena direttamente in un teatro di posa appositamente progettato e costruito, capaci di ricreare in scala ridotta, con il supporto di luci e proiezioni, quella che sarà poi la scena teatrale effettiva e comprenderne i segreti e le possibilità.

In particolare con i docenti di Geometria descrittiva si approfondirà la messa in scala di progetti e lo studio della composizione architettonica, tecniche fondamentali per la progettazione.

Si pensa ora a strutturare il Corso di Scenografia come una vera e propria scuola, affrontando e preparando con i ragazzi, progetti complessi e dai diversi risvolti artistici, sviluppando il progetto in un arco triennale.

Per le classi quarte, avvieremo un progetto nuovo e composito, alla figura di LEONARDO DA VINCI, che ci porterà ad una mostra-evento in collaborazione con varie associazioni cittadine.
La forza, la suggestione e la meraviglia dell’arte di Leonardo servirà da motore propulsivo per un’importante installazione creata e progettata dai ragazzi che verrà presentata alla fine dell’Anno Scolastico in uno spazio pubblico.

 

Progetto